Albania: nel 2012 si punta sul turismo

Ormai da almeno un paio d'anni l'Albania ha deciso di puntare fortemente sul settore turistico: le cifre dicono che attualmente il giro d'affari  di circa 1,2 miliardi di euro, pari all'11 per cento del PIL, mentre gli addetti sono circa 138.000, il 6 per cento della forza lavoro complessiva; i primi risultati cominciano dunque a vedersi: nel 2011 i turisti in visita sono stati circa 2,7 milioni. Il Ministro del Turismo, Aldo Bumci, ha recentemente annunciato una strategia a livello nazionale per far ulteriormente sviluppare il settore: in particolare si punta su quello montano, mentre a livello generale, cè ancora molto da fare sul fronte della qualit' dei servizi.
Un esempio è quello di Himara, fondata probabilmente nel secondo secolo Avanti Cristo, che coniuga la bellezza del mare alla ricchezza di testimonianze archeologiche: posta a 220 chilometri da Tirana, 3.000 abitanti circa, la città sorge lungo la cosiddetta Rivier Albanese ed è stata la prima a veder approvato il proprio piano sullo sviluppo turistico sostenibile, grazie al quale si punta a triplicare le presente nei prossimi due anni.
Il sindaco Jorgo Goro ha affermato di voler porre al primo posto la tutela del patrimonio archeologico; negli ultimi anni gli alberghi esistenti si sono già espansi, aggiungendo nuovi piani per accogliere un maggior numero di turisti; gli investimenti più urgenti riguardano ora le infrastrutture, finalizzate a soddisfare le accresciute necessità di acqua ed energia elettrica.
Il caso di Himara può costituire un efficace esempio dello stato attuale e delle necessità del sistema turistico albanese: le strutture di accoglienza si stanno rapidamente adeguando all'aumento del numero di turisti, più lento è invece il processo di crescita delle infrastrutture.


Marcello Berlich

Post popolari in questo blog

Un italiano in Albania, racconti di un’immigrazione al contrario. I motivi ed i primi passi.

Sistema bancario e finanziario albanese

Italiani cercano lavoro in Albania